cerca

Papa Francesco prostrato sul pavimento di San Pietro

All’inizio della liturgia del Venerdì Santo. L’omelia di padre Cantalamessa davanti alla Curia: «La Chiesa non diventi un castello complicato e ingombro come quello descritto da Kafka». Alle 21.15 la Via Crucis al Colosseo

Papa Francesco prostrato sul pavimento di San Pietro

PAPA-C_WEB

Suggestiva liturgia del Venerdì Santo a San Pietro per commemorare la Passione del Signore. All’inizio del rito (in questo giorno la Chiesa non celebra la Messa) il Papa Francesco si è prostrato a terra in segno di adorazione della Croce. L’omelia, alla presenza del Pontefice e della Curia, è stata tenuta dal predicatore della Casa Pontificia, padre Raniero Cantalamessa: «Questo Venerdì Santo celebrato nell’anno della fede in presenza del nuovo successore di Pietro potrebbe essere, se lo vogliamo, il principio di una nuova vita» ha detto il cappuccino. Poi, dopo aver letto una citazione di «Un messaggio imperiale» di Kafka, ha detto che «dobbiamo fare il possibile perché la Chiesa non divenga mai quel castello complicato e ingombro descritto da Kafka e il messaggio possa uscire da essa libero e gioioso come quando iniziò la sua corsa. Sappiamo quali sono gli impedimenti che possono trattenere il messaggero: i muri divisori, a partire da quelli che separano le varie chiese cristiane tra di loro, l’eccesso di burocrazia, i residui di cerimoniali, leggi e controversie passate, divenuti ormai solo dei detriti». Una serie di ostacoli che «bisogna avere il coraggio di abbattere» per «riportare l’edificio alla semplicità e linearità delle sue origini. Fu la missione che ricevette un giorno un uomo che pregava davanti al crocifisso di San Damiano: "Va’, Francesco, ripara la mia Chiesa"». Un invito che sembra ora diretto al nuovo Francesco. Alle 21.15 inizierà la Via Crucis al Colosseo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500