cerca

Le prime parole del Papa: accetto nella sofferenza

«Sono un grande peccatore, confidando nella misericordia e nella pazienza di Dio, nella sofferenza, accetto». Sono le prime parole di Jorge Mario Bergoglio quando gli è stata richiesta la...

«Sono un grande peccatore, confidando nella misericordia e nella pazienza di Dio, nella sofferenza, accetto». Sono le prime parole di Jorge Mario Bergoglio quando gli è stata richiesta la disponibilità a essere il nuovo Pontefice. Lo rivela il cardinal Angelo Comastri in un'intervista contenuta in «Francesco», dvd in edicola dal 2 aprile con il Corriere della Sera al prezzo aggiuntivo di 10,90 euro. Realizzato dal Centro Televisivo Vaticano con Officina della Comunicazione e Rai Eri, il dvd ricostruisce attraverso le immagini e le inedite interviste a quattro eminenti cardinali (oltre a Comastri, Oscar Rodriguez Maradiaga, Gianfranco Ravasi, Angelo Sodano) le fasi più importanti dell'elezione di Papa Francesco, dalla rinuncia di Benedetto XVI agli eventi del Conclave fino all'incontro di pochi giorni fa fra i due Papi a Castelgandolfo. Lo stesso arciprete di S. Pietro ha celebrato ieri mattina la Messa per i dipendenti vaticani al termine della quale a sorpresa è arrivato anche Francesco. Il Papa li ha ringraziati dopo un saluto del card. Comastri che ha ricordato un episodio di cui fu protagonista, appena eletto, Giovanni XXIII. A quel tempo si baciava il piede al Pontefice e il Papa Buono commentò, il giorno dopo, con il suo segretario Loris Capovilla che quelle cose andavano cambiate, che alla Chiesa serviva un bagno di umiltà e semplicità. «È quello che lei sta facendo» ha detto Comastri rivolto a Francesco. In precedenza, il Pontefice aveva celebrato come al solito la Messa a S. Marta. «Mai parlare male di altre persone» ha detto nell’omelia, perché «la persona di cui chiacchieriamo diventa una mercanzia. E con quanta facilità noi facciamo questo! È la stessa cosa che ha fatto Giuda. Gesù è come una mercanzia: è venduto». Capita «tante volte anche nel mercato della Storia, nel mercato della nostra vita - ha proseguito - quando noi scegliamo i 30 denari e lasciamo Gesù da parte, guardiamo il Signore che è venduto. E a volte noi - afferma il Papa - con i nostri fratelli, con i nostri amici, tra noi, facciamo quasi lo stesso. Non so perché, ma c'è una gioia oscura nella chiacchiera. Con i pettegolezzi - ha concluso - vendiamo i nostri amici, i nostri parenti».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"

Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram
Aurora Ramazzotti studentessa modello. Il video fa impazzire i fan