cerca

«Al Paese serve una guida stabile»

Non c’è stato il tempo di esaminare in maniera approfondita la situazione politica italiana ma è convinzione dei vescovi che al Paese serve un governo stabile. Lo ha detto il segretario della Cei...

Non c’è stato il tempo di esaminare in maniera approfondita la situazione politica italiana ma è convinzione dei vescovi che al Paese serve un governo stabile. Lo ha detto il segretario della Cei mons. Crociata al termine dei lavori del Consiglio permanente. «Il nostro giudizio riguarda l'urgenza che il Paese ha di avere una guida, un Governo stabile - ha detto - Già da tempo parlavamo di grande impegno e fatica, per mettere al sicuro i conti. Sarebbe grave che ora i sacrifici fossero vanificati. L'auspicio - ha scandito - è che si pervenga alla costituzione di un Governo che assicuri la guida del Paese e assecondi le domande di tenuta, per rispondere ai messaggi che salgono dalle famiglie e vedono pericolosamente aggravate le situazioni». La famiglia sarà al centro della 47ª Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, in programma a Torino dal 12 al 15 settembre. Al Consiglio permanente è stata discussa la bozza del documento sul tema: «La famiglia, speranza e futuro per la società italiana». Il testo si articola in tre parti: «La famiglia e la persona umana», «La famiglia, bene per tutti», «Famiglia, società ed economia». L’obiettivo è far capire come il mettere al centro della vita culturale, sociale e politica la famiglia significhi porre un fondamento indispensabile per il bene e la crescita di tutti, per un futuro di speranza dei giovani. I vescovi italiani si riuniranno nell’assemblea generale dal 20 al 24 maggio: «Abbiamo già invitato il Papa» ha fatto sapere mons. Crociata.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500