cerca

Trema la terra tra Lazio e Abruzzo. Paura a Roma

22.09. Due chilometri a nord di Isola Liri, in provincia di Frosinone, 92 a est di Roma, 63 a nord-est di Latina, la terra trema ancora e lo fa per una manciata di interminabili secondi. La scossa,...

22.09. Due chilometri a nord di Isola Liri, in provincia di Frosinone, 92 a est di Roma, 63 a nord-est di Latina, la terra trema ancora e lo fa per una manciata di interminabili secondi. La scossa, 4.8 gradi della scala Richter, è stata avvertita anche nel Centro di Roma. Secondo il Centre Sismologique Euro-Mediterraneen, il terremoto si è generato a 10,7 chilometri nella crosta terrestre, una profondità relativamente grande. Panico tra gli abitanti della provincia di Frosinone, dove il sisma si è sentito maggiormente. Centinaia di persone fuori dalle abitazioni. Paura anche nei comuni della Valle Roveto, in particolare Morino, Capistrello e Balsorano, Castelliri, Arpino, Sora e tutti i centri compresi nell’area entro i 20 chilometri dall’epicentro, che sarebbe stato localizzato proprio nell’area dei monti Ernico Simbruini, al confine sud-est dell’omonimo parco regionale. Ad Avezzano la scossa è stata avvertita distintamente ai piani alti delle abitazioni. Gli abitanti del vasto centro marsicano si sono resi conto della portata dell’evento sismico, però, solo dopo aver ascoltato e letto i primi lanci dei media. Paura anche tra i residenti dei comuni abruzzesi al confine con il Lazio, in particolare quelli marsicani. In tilt i centralini dei vigili del fuoco. Anche a Sulmona paura tra gli inquilini dei piani alti dei palazzi. Il terremoto è stato avvertito distintamente anche nei piccoli centri del Parco Nazionale d’Abruzzo. I carabinieri, che ieri sera e per tutta la notte hanno monitorato eventuali situazioni di pericolo, non hanno rilevato danni a cose e persone. Ma è soprattutto nel Frusinate che la terra ha tremato maggiormente, tanto da far scappare di casa centinaia di persone. Molti quelli che hanno deciso di passare la notte in macchina. L’Abruzzo, già scosso dal terremoto del 2009, ha rivissuto per alcuni istanti la paura di quella tremenda notte di 6 aprile di 5 anni fa. «Abbiamo sentito un forte boato, ma la scossa è stata breve e intensa» - racconta Gerardo Perruzza, vigile urbano di Pescosolido, paesino del Frusinate.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Insulti e parolacce ai concorrenti, ecco i fuorionda di Flavio Insinna

Strage Manchester, il momento dell'esplosione. I video amatoriali
Manchester, strage al concerto di Ariana Grande
Bayern in festa, Ancelotti intona "I migliori anni della nostra vita"

Opinioni