cerca

Diciassettenne ucciso durante manifestazione

MANAMA Un ragazzino che partecipava a manifestazioni di protesta è morto in Bahrein dove ci sono stati scontri con la polizia in un villaggio sciita vicino a Manama. Lo hanno reso noto fonti dell'oppo...

MANAMA Un ragazzino che partecipava a manifestazioni di protesta è morto in Bahrein dove ci sono stati scontri con la polizia in un villaggio sciita vicino a Manama. Lo hanno reso noto fonti dell'opposizione, che hanno organizzato manifestazioni in coincidenza con il secondo anniversario della rivolta per chiedere alla monarchia di avviare riforme. L’anniversario dell’inizio delle proteste si celebra proprio oggi, 14 febbraio.

«E adesso, dopo aver ucciso un ragazzo di 17 anni, sparate anche a me. Non ho paura di voi». L’uomo che urla agli agenti antisommossa di ucciderlo, ripreso in un video che sta facendo il giro del web ha l'apparenza di un individuo pacifico, ma la morte di Ali Ahmed Ibrahim al-Jazeeri, ferito in maniera letale all’addome nel villaggio di Diya, vicino a Manama, ha, acceso la sua rabbia contro la monarchia sunnita del Bahrein nel giorno dell’anniversario della rivolta sciita che due anni fa portò migliaia di persone in piazza per chiedere l’avvio delle riforme. I movimenti dell’opposizione sciita sono di nuovo tornati nelle piazze ma la violenzavè degenerata fin dalle prime ore del mattino e rischia di mettere in discussione i tentativi di negoziato tra le due anime politiche e religiose del mondo musulmano in un Paese che gode della fiducia degli Stati Uniti, tanto da mettergli a disposizione una base per la sua Quinta Flotta. . È il caso di al-Jazeer, arrivato già cadavere all’ospedale di Salmaniya, a Manama. «La causa della morte non è ancora chiara».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni