cerca

Pollari e Mancini, «carcere di Stato»

Dieci anni di reclusione per l’ex capo del Sismi e nove per l’ex 007

Pollari e Mancini, «carcere di Stato»

A__WEB

m.collacciani@iltempo.it

Magistratura al veleno: i giudici della Corte d'Appello di Milano hanno condannato Nicolò Pollari a 10 anni e Marco Mancini a 9 per il sequestro di Abu Omar. La Corte ha condannato anche gli altri tre imputati, agenti del Sismi, Giuseppe Ciorra, Raffaele Di Troia e Luciano Di Gregori a 6 anni di reclusione. Gli imputati in solido dovranno risarcire con una provvisionale da 1 milione l'imam e con 500 mila euro la moglie. Il resto del risarcimento sarà stabilito con una causa civile.

Immediate le reazioni. Intanto quella di Nicola Madia, uno dei difensori dell’ex direttore del Sismi: «Il generale Pollari è stato condannato senza potersi difendere a causa del segreto di Stato e nonostante tre Governi di diverso colore avessero opposto il segreto di Stato sollevando conflitti di attribuzione. Siamo sconcertati, sicuramente ricorreremo in Cassazione. E speriamo che faccia giustizia. È una sentenza che ci lascia sconcertati, ci sembra abnorme».

Poi quella del diretto interessato: «Provo grande amarezza, questo è un Paese di falsi moralisti in cui conviene essere scorretti e infingardi. Io ho avuto il coraggio di non accettare di commettere un reato e ho avuto questo premio», ha detto Nicolò Pollari commentando la sentenza. «Giustizia è fatta - ha aggiunto ironicamente - è stato condannato un innocente noto a tutti. Un innocente al quale no n è stato consentito di difendersi. È un problema di civiltà giuridica».

Rilevante la posizione di Silvio Berlusconi: «Non posso che esprimere la più totale solidarietà al generale Pollari della cui assoluta innocenza ho piena contezza». «Se avessero chiamato a testimoniare sia me sia gli altri Presidenti dei Consigli dei Ministri che hanno anch'essi ritenuto di apporre il segreto di Stato nell'interesse della sicurezza nazionale - ha proseguito il Cavaliere - , non avremmo che potuto confermare come vi sia la prova oggettiva della sua completa estraneità a ogni condotta antigiuridica».

Gli fa eco Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera: «A parte molte altre considerazioni, la condanna del generale Pollari pone in modo drammatico il problema del segreto di Stato. Infatti proprio per l'opposizione del segreto di Stato Pollari non ha potuto difendersi utilizzando tutta la documentazione concernente il caso e ciò non lo ha affatto tutelato, anzi è stata una delle cause della sua condanna che quindi è avvenuta in presenza non di un privilegio, ma di una limitazione al diritto di difesa».

«Ciò apre delle questioni assai serie di vario tipo, comprese quelle riguardanti il trattamento di chi dirige i servizi e conseguentemente della loro operatività - ha aggiunto -. È evidente che in una situazione siffatta molti possono essere spinti a tirare i remi in barca e utilizzare solo le cosiddette "fonti aperte"».

E l’ex imam di Milano? Certo non si fa scrupolo nel dichiarare di aspettare con ansia il risarcimento: «Un grande sollievo», accompagnato dalla speranza di ricevere «un indennizzo per la sofferenza subita». È così che Hasan Mustafa Ismail, noto come «Abu Omar», ha commentato la sentenza. «Sono felice per questa sentenza, che mi solleva molto», ha affermato ricordando che «ci sono molte altre persone nella mia situazione». Il verdetto - ha aggiunto - «dimostra che nessuno può sfuggire alla legge, a prescindere dal ruolo che ricopre».

L'ex imam di Milano, che attualmente vive nella sua città natale, Alessandria d'Egitto, spera ora che «si facciano passi concreti affinché possa ricevere un indennizzo e che il tribunale prenda presto una decisione in merito». Al governo italiano Abu Omar chiede di «non fare ricorso in appello contro la sentenza sull'indennizzo a me dovuto e di essere elastici, anche perché ho intenzione di entrare in politica come candidato alla carica di governatore di Alessandria non appena cambierà la legge», che prevede la nomina e non l'elezione, delle cariche amministrative in Egitto.

LPN-TOP ABU OMAR, LEGALE POLLARI: SENTENZA ABNORME, ANDREMO IN CASSAZIONE-2-

Milano, 12 feb. (LaPresse) - «Non è un problema di due anni in più o in meno», aggiunge Madia commentando il fatto che la procura aveva chiesto una condanna a 12 anni, mentre la corte ne ha stabiliti 10. «Faremo ricorso contro la sentenza», conclude.

dpn (AGI) - Milano, 12 feb. - Al telefono con uno dei suoi difensori, l'avvocato Nicola Madia, il generale Nicolo' Pollari si e' definito "sconcertato" per la sentenza con la quale la Corte d'Appello di Milano lo ha condannato a dieci anni di carcere. "Non ce l'aspettavamo - ha aggiunto Madia - Pollari e' stato condannato nonostante il segreto sia stato apposto da tre diversi governi, impedendogli di difendersi". Era presente al momento del verdetto l'altro funzionario del Sismi, Marco Mancini, che non ha voluto dire nulla. Uno dei suoi legali, Luigi Panella, ha sottolineato che "in questo processo sono stati utilizzati atti coperti dal segreto". Altri tre imputati sono stati condannati a sei anni di carcere. (AGI) Mi2/Car/Stp

(AGI) - Milano, 12 feb. - "Dopo questa sentenza mi chiedo: 'i governi Prodi, Berlusconi e Monti sono stati dunque i miei complici? E se lo sono stati perche' nessuno li interpella?". Lo afferma il generale Nicolo' Pollari raggiunto al telefono dall'Agi commentando la sentenza che lo ha condannato a 10 anni di reclusione al termine del processo d'appello bis per il sequestro di Abu Omar. (AGI) Mi2/Car (Segue)

ZCZC ADN0276 5 CRO 0 ADN CGI NAZ RL|

CASO ABU OMAR: GOVERNO, CASSAZIONE HA LESO POTERE SICUREZZA STATO =

Milano, 12 feb. (Adnkronos) - L'annullamento del proscioglimento per Nicolò Pollari e Marco Mancini da parte della Cassazione nel settembre scorso ha leso le «attribuzioni costituzionali» della Presidenza del Consiglio «nell'esercizio dell'attività politica volta alla tutela della sicurezza dello Stato», che si è «concretata nell'apposizione del segreto di Stato» anche «in ordine al fatto storico del sequestro di Abu Omar». È quanto scrive l'avvocatura dello Stato nel ricorso presentato dal governo Monti alla Consulta nei giorni scorsi.

(Afe/Opr/Adnkronos) 12-FEB-13 12:06

NNN

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500