cerca

BATTUTO IL CROTONE 1-0

Alla Roma basta il rigore di Perotti

I giallorossi vincono di misura all'Olimpico

Alla Roma basta il rigore di Perotti

Diego Perotti esulta dopo il rigore

Roma di rigore all’Olimpico. I giallorossi tornano a vincere dopo più di un mese tra le mura amiche battendo per 1-0 un Crotone molto più tenace del previsto. La partita resta in bilico fino all’ultimo, a decidere è Perotti dal dischetto. La classifica non cambia, davanti hanno vinto tutte e la squadra di Di Francesco resta al quinto posto con 21 punti.

Le scelte. Il turnover coinvolge sei undicesimi della Roma: Karsdorp è al debutto in giallorosso, in difesa torna Fazio, Gonalons fa riposare De Rossi e Gerson prende il posto di Strootman e davanti si rivedono Under e Perotti con l’irrinunciabile Dzeko.

Primo tempo. Tutto facile per i padroni di casa, che si portano in vantaggio dopo 10 minuti: Kolarov guadagna un calcio di rigore che Perotti trasforma con un rasoterra angolato. Sono sempre i giallorossi ad attaccare e farsi pericolosi, anche sui calci piazzati: prima un’occasione dalla bandierina, allontanata dal portiere, poi una punizione affidata a Kolarov, che stavolta non fa la magia per colpa del palo. Il decimo legno di questa stagione. Il Crotone si fa coraggio e si fa vedere dalle parti di Alisson con Nalini, che sfugge alla marcatura fragile di Karsdorp e riesce a colpire di testa, sbagliando però la misura. Un errore di Pavlovic favorisce Dzeko, che non è reattivo e quasi inciampa nel pallone non sfruttando l’opportunità a tu per tu con Cordaz. Rispondono i calabresi con Rohden, che scappa a Moreno e calcia in porta, trovando i guantoni di Alisson. Bel cross di Perotti per Dzeko, che impatta bene di testa, ma fa girare il pallone lontano dal palo. Il primo tempo si chiude con Ceccherini che rischia di fare autogol su un’iniziativa di Kolarov, ma Cordaz non si fa sorprendere. Ѐ 1-0 Roma all’intervallo.

Secondo tempo. Si riparte con gli stessi ventidue in campo e lo stesso copione: la Roma fa la partita, anche se i ritmi non sono altissimi ed è l’ennesimo legno, esattamente l’undicesimo, a dire di no a Dzeko, che colpisce la traversa con un siluro mancino. All’11’ ci riprova Edin da centro area, ma il portiere è attento. Simic toglie il traversone di Nainggolan dalla testa del bomber bosniaco concedendo un angolo su cui svetta Fazio, che ne rimedia un altro. Defrel, subentrato per Under, si fa vedere con un sinistro angolato che va sul fondo. La Roma concede qualche ripartenza di troppo agli avversari, che però non riescono mai a pungere. La partita resta aperta, i giallorossi non trovano il raddoppio e i calabresi si giocano la carta Stoian, che ha militato nelle giovanili di Trigoria e vanta pure una presenza in prima squadra in Coppa Italia. Di Francesco toglie uno stremato Karsdorp per dare minuti a Florenzi: niente Schick nemmeno oggi. La gara resta in bilico fino alla fine e la Roma rischia troppo, ma riesce comunque ad ottenere i tre punti che la portano a quota 21.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello