cerca

LA NUOVA CASA GIALLOROSSA

Lo stadio della Roma si blocca un'altra volta

Caos sul vincolo dell'ippodromo. Il Ministero si piega al ricorso verde. In bilico la costruzione dell'impianto a Tor di Valle

Lo stadio della Roma si blocca un'altra volta

Se pensavate che il vincolo architettonico sull'Ippodromo di Tor di Valle fosse archiviato, beh, ricredetevi: il vincolo c'è, è vivo e lotta insieme a noi. Ovviamente, contro il progetto della Roma di costruire, al posto del vecchio ippodromo progettato da Julio Lafuente, il suo nuovo Stadio, con annessi e connessi.

Il direttore generale per l'Archeologia, le Belle arti e il Paesaggio del Ministero per i Beni culturali e Turismo, Caterina Bon Valsassina, considerata fra le più preparate funzionarie del Mibact, 5 giorni fa, il 18 luglio ha scritto una mezza paginetta di lettera ufficiale (protocollo 20879) e l'ha spedita alla Regione Lazio, ai rappresentanti unici in Conferenza di Servizi dello Stato (Carlo Notarmuzzi), della Regione (Demetrio Carini), della Città metropolitana (Massimo Piacenza) e del Comune (Fabio Pacciani), più a una pletora infinita di società varie, da Acea a Terna, da Fastweb a Tim, da Ferrovie a Snam Rete gas e così via.

La lettera dice, in sintesi: visto che Italia Nostra ha presentato ricorso «a questa Direzione generale» contro la decisione di non apporre il vincolo sull' ippodromo presa «dalla Commissiore regionale per la tutela del patrimonio culturale del Lazio», si comunica che, ai sensi delle norme contenute nel Codice dei beni culturali, «la proposizione del ricorso comporta la sospensione degli effetti del provvedimento impugnato e si applicano in via cautelare le disposizioni previste». Insomma, anche se il prossimo 6 agosto i diversi uffici...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Navarre

    Arimminum

    10:10, 23 Luglio 2017

    vincolo

    il vincolo della Sovrintendenza vale in ogni caso fino al 17 Settembre, poi si vedrà. la Regiona Lazio il 6 agosto non potrà proseguire la conferenza per approvare la demolizione delle tribune vincolate. Quello che non si capisce è perché in presenza di una normativa e una burocrazia che fa onestamente ribrezzo, l'imprenditore non abbia fatto saltare in aria le tribune come ha fatto Eurspa con il velodromo, quando una manina ha fatto approvare nel 1012 una norma che spostava da 50 a 70 anni il vincolo automatico. E perché con 100 ettari a disposizione non ha messo lo stadio fuori dalle tribune.

    Rispondi

    Report

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni