cerca

VERSO L'INTER

Roma, Spalletti: "Stadio risultato fondamentale ma il mio futuro è un'altra storia"

Spalletti: "Roma avanti a tavoletta. Lo stadio? Fondamentale"

Piede sull'acceleratore, Luciano Spalletti spinge «a tavoletta» la Roma nel tour de force che la aspetta. A partire da Milano, da un’Inter (domani a San Siro, ore 20.45) che Pioli ha indirizzato sulla strada giusta: «Se ammucchiamo tutte le gare diventa difficile, è un fardello importante. Si "smucchiano" e se ne gioca una per volta, non c’è altra soluzione. Sono tante e tutte importanti. Non si cadrà nel tranello che una è più facile di un’altra, perlomeno. Non si potranno interpretare male. Il loro tecnico è uno molto bravo, lo sanno tutti nel mondo del calcio. Ha trovato equilibri importanti, ora gioca con la prima punta e i 3 centrali. Anche se gli mancherà Miranda, ha soluzioni, fantasia e qualità. Siamo pronti ad affrontare una squadra vincente». Con la formazione migliore, dopo il turnover di Coppa: «Con il Villarreal non ho messo alcuni calciatori nella condizione migliore di esprimersi, ma quando ne avremo bisogno li troveremo pronti. Manolas? C’è e gioca». Se Pioli ha fatto il conto dei rigori, Spalletti non fa calcoli: «Non so chi ha avuto più penalty. Non ho capito se intendono che hanno dato pochi rigori a loro oppure troppi a noi… L’anno scorso ne abbiamo avuto uno solo in 19 match e nessuno si è permesso di dire qualcosa». Punto fermo della Roma di oggi è Dzeko e il tecnico toscano non lo cambierebbe con Icardi: «Ci sono dei professionisti qui, decidono loro, ma io comunque mi tengo sempre Edin… e pure stretto. Se per dire, partisse poi Dzeko o Nainggolan io mi aspetterei l’arrivo di giocatori altrettanto forti, perché i dirigenti sono bravi, sono già preparati per quello che succederà nel futuro. I tifosi della Roma possono stare tranquilli».


Lo stadio a Tor di Valle Un passo avanti verso il futuro è stato fatto ieri, con l’accordo finalmente trovato sul nuovo stadio della Roma: «Il risultato raggiunto è fondamentale per la città. Quando una personalità come il sindaco Raggi viene messa in un confronto difficile e col dialogo trova tutela e soddisfazione di tutti ha raggiunto il massimo. Bravi tutti. Una correlazione col mio contratto ci può pure essere, ma lo stadio potrà essere fatto in 4-5 anni, non lo so quanto ci vuole e non so se sarò morto o no... Comunque con l'impianto di proprietà la Roma avrà più possibilità. Poi servono i risultati per restare. Contano i giocatori e i giocatori forti, vanno tenuti quelli che hanno un valore sia affettivo sia tecnico importante. Tutti tengono alla Roma, c’è da fare risultati. Se non si fanno cambia la prospettiva».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni