giovedì 18 dicembre 2014
.
Sfogliatore
ACQUISTA EDIZIONE
LEGGI L’EDIZIONE
29/09/2013 06:06

Viaggio nell’Abruzzo antico lungo «Le vie dei tratturi»

Stefania Marini D a Leopardi a von Sturler, passando per d’Annunzio, il tema della transumanza affascina gli autori di tutte le epoche. Perché la vita del pastore è un eterno viaggio alla ricerca di...

A_-_WEB

D a Leopardi a von Sturler, passando per d’Annunzio, il tema della transumanza affascina gli autori di tutte le epoche. Perché la vita del pastore è un eterno viaggio alla ricerca di pascoli più verdi. Quello errante dell’Asia nel «Canto notturno» «sorge in sul primo albore, move la greggia oltre pel campo, e vede greggi, fontane ed erbe; poi stanco si riposa in su la sera: altro mai non ispera». I nostri «in terra d’Abruzzi (...) lascian gli stazzi e vanno verso il mare. (...) Han bevuto profondamente ai fonti alpestri, che sapor d’acqua natia rimanga nei cuori esuli a conforto. (...) E vanno pel tratturo antico al piano, quasi per un erbal fiume silente, su le vestigia degli antichi padri». Gli «eroi» moderni del regista svizzero nel film documentario «Hiver Nomade» partono con quattro cani, tre somarelli e ottocento pecore, attraversano lande sconfinate al freddo e al gelo, accampandosi alla meglio ogni sera davanti al fuoco, esausti ma consapevoli di un ritrovato rapporto con la natura, grazie a quel mestiere arcaico ormai in estinzione. Proprio per rivivere le suggestioni e il fascino della transumanza la Camera di commercio di Chieti promuove «Le vie dei tratturi», una serie di eventi tra tradizioni, prodotti e itinerari con un occhio alla valorizzazione delle ricchezze storicoculturali, delle tipicità enogastronomiche e un altro alla riscoperta dei paesaggi mozzafiato nei territori rurali. Così mercoledì 2 ottobre, alle 9,30, nella sede della Cciaa, si terrà un convegno per fare il punto della situazione sui percorsi di tutela e rilancio del sistema dei tratturi in Abruzzo, Molise e Puglia. Ma prima, nel centro espositivo, spazio a momenti di vita pastorale con musica tradizionale a cura dell’Associazione zampognari, attività didattiche («Dalla lana al tessuto), trasformazione del latte di pecora in formaggio, mostre fotografiche e proiezione del documentario «Le transumanze d’Europa» realizzato da Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli. Numerosi gli enti e le associazioni che collaborano all’evento come pure gli interventi di esperti del settore, operatori delle organizzazioni di categoria, autorità locali e regionali, rappresentanti della Soprintendenza per i beni archeologici e dell’Archivio di Stato. «Il progetto "Le vie dei tratturi" - ricordano i promotori - sarà illustrato da Paola Sabella, segretario generale della Cciaa di Chieti, che parlerà anche delle varie iniziative realizzate e di quelle previste, in accordo con l’Associazione interregionale delle Camere di commercio del centro Italia».

Quindi il racconto delle esperienze turistiche, i progetti di recupero del tratturo Celano-Foggia, i programmi di alcuni Comuni dell’area pescarese e teatina, da Rosciano a Celenza sul Trigno, da Vacri a Santa Maria Imbaro. Il 3 e il 4 ottobre sarà protagonista Lanciano, che ospiterà la quarta tappa del Tratturo Magno. «I transumanti arriveranno verso le 17 e le associazioni Gutenberg, Contrada S. Liberata e altre del territorio festeggeranno l’evento».

Già dal mattino in agenda appuntamenti dedicati alle scolaresche, mostre, laboratori con i telai. Le attività si protrarranno fino a sera con il clou rappresentato dalla «cena della transumanza». Poi via, di nuovo in cammino. Verso il mare.

Stefania Marini






consenso al trattamento dei dati
I commenti inviati vengono pubblicati solo dopo esser stati approvati dalla redazione






Invia una copia anche al tuo indirizzo di posta
Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

Copyright 2001 Quotidiano IL Tempo srl tutti i diritti riservati - Gerenza - Pubblicità