venerdì 30 settembre 2016

.
Sfogliatore
ACQUISTA EDIZIONE
LEGGI L’EDIZIONE
24/03/2016 06:06

L'INTERVENTO

L’orgoglio dei cristiani

di Vittorio Sgarbi

Contro la guerra, la violenza e il terrorismo occorre ripartire dalla Croce, anzi, dalle Storie della Vera Croce, di Piero della Francesca. «In Hoc Signo Vinces»: noi europei e italiani dobbiamo essere orgogliosi di essere cristiani. Se è questo che intende il presidente del Consiglio Renzi, quando parla di «gigantesco investimento nella cultura», allora gli do ragione. Come aveva ragione Oriana Fallaci, offesa dalla sinistra per averci messo in guardia.

 

Da un punto di vista geopolitico l’asse che funziona è quello voluto da Putin e che ha portato a una diversa situazione rispetto ai mesi scorsi. Quella è la guida, che non corrisponde alle erronee posizioni guerrafondaie in astratto di Hollande, come di Sarkozy prima di lui. Da un lato abbiamo un asse Putin-Assad che funziona e i cui punti forti sono agire in maniera concreta contro i santuari del terrorismo, come è avvenuto anche in Egitto. Sono Paesi dove non c’è la confusione che regna in Libia o in Iraq, dove invece non esiste un governo e nemmeno un rapporto con alleati che siano in grado di sostenere un esecutivo reale. E dall’altro lato abbiamo un’ulteriore verifica delle posizioni assunte dalla Fallaci che oggi tornano di moda e si rispecchiano anche nella posizione di Rutelli che, qualche anno fa, subito dopo la sua morte, quando venne demonizzata, le dedicò una mostra a Milano restituendole un onore che le era stato negato dalla sinistra.

 

Oggi Renzi fa il riferimento alle radici culturali, con cui si torna alle origini di quella grottesca commissione, istituita da Giscard d’Estaing, con i nostri due modesti italiani Fini e Amato, i quali accettarono a scatola chiusa di precludere le fondamenta cristiane alla Storia della nostra cultura europea, quelle radici che sono state reclamate da due papi, ma non sono il preambolo della Costituzione. Questo vuol dire che siamo un Paese nel quale tutto è consentito e non abbiamo alcuna identità culturale. Se la posizione di Renzi è in difesa della nostra cultura è positiva, perché noi dobbiamo avere l’orgoglio delle nostre radici cristiane. Sono la ragione stessa dell’Occidente, della libertà, della democrazia, della libertà della persona e di quella della donna. Questo è un dato che si contrappone al fuoco della forza brutale che trae però origine da una convinzione religiosa. Che il loro dio esista è una realtà abbastanza discutibile, ma per quel dio loro sono pronti a morire. Una fede così assoluta muove il mondo e dalla nostra parte ci sono un’acquiescienza e una tolleranza per le quali non si identifica un’idea di occidente. Quello che dice Renzi va condiviso come difesa della nostra identità, una difesa che non è militare, ma di idee e di pensieri. Lui, Matteo, ha fatto anche coprire le statue, ma l’Iran certo non è l’Isis e con l’Iran non si va in guerra: quella è stata una confusione culturale, cose diverse si sono sovrapposte generando un atteggiamento umiliante.

 

Ricordo, nell’anno di Piero della Francesca, che il generale Clark, dopo aver bombardato Cassino durante la Seconda Guerra Mondiale, evitò di bombardare Borgo San Sepolcro. Chiese a un bambino se ci fossero ancora tedeschi, questi gli rispose di no e lui, si rammentò le parole dello scrittore inglese Aldous Huxley che sosteneva che lì era conservato il quadro più bello del mondo: La Resurrezione di Piero della Francesca. La forza dell’arte fu superiore a quella della religione, in quel caso il paese non fu salvato dal Cristo, ma dal quadro. Il capolavoro di Piero della Francesca, del quale si celebra il sesto centenario della nascita, essendo nato nel 1416, sono le Storie della Vera Croce: In Hoc Signo Vinces, la dimensione cristiana è quella di conquista contro un potere cieco e barbaro. A Cagliari abbiamo inaugurato la mostra In Hoc Signo, in relazione ad una meravigliosa festa religiosa chiamata Arbia nella quale i cavalli corrono in gara per arrivare alla vera croce. Una festa dedicata a San Costantino, la sua santità è nell’aver unificato l’Italia e il Mondo. In nome della Croce.

Vittorio Sgarbi

Il titolo è sbagliato, perché noi in quanto cristiani non dobbiamo parlare di orgoglio, dobbiamo essere umili e semplici. È vero non esiste cultura c’è regresso, basta vedere in Romagna non hanno fatto il presepe per rispetto…ma di quale cultura parliamo? L’Europa è cristiana ma vogliono l’Europa laica, l’Europa si deve cristianizzare.
Postato da Vanessa il 25/03/2016 14:38
volevo segnalare alla redazione, che la manifestazione religiosa alla quale il prof. Sgarbi si riferisce, è denominata "Ardia" e non "Arbia". Cordialità
Postato da Gianfranco Sardara il 25/03/2016 09:42
CARO VITTORIO,DI QUALE ORGOGLIO VA CIANCIANDO PAPA FRANCESCO,CHE LAVA I PIEDI E SI PROSTRA DAVANTI AI PSEUDO PROFUGHI MUSULMANI,UN SEGNO DI DEBOLEZZA IMAPERDONABILE DELLA CHIESA,QUESTI SONO ERRORI OPPURE ORRORI???
Postato da alfreddo il 24/03/2016 20:51
Immagino il futuro senza religioni. La comunità innanzitutto. Il benessere sociale in testa. Le religioni, ateismo compreso, chiuse nei nostri cuori. Tutti ad aiutare gli altri. Punto Punto e virgola. Due punti.
Postato da Digei il 24/03/2016 15:31
Invia il tuo commento





consenso al trattamento dei dati
I commenti inviati vengono pubblicati solo dopo esser stati approvati dalla redazione






Invia una copia anche al tuo indirizzo di posta
Se il codice risultasse illeggibile CLICCA QUI per generarne un altro

 

Copyright 2001 Il Nuovo Tempo srl tutti i diritti riservati - Gerenza - Pubblicità